Persian love cake

21 maggio 2016 14 comments

persian love cake

Quando ho letto la ricetta del mese per Re-cake #14, la Persian Love cake, mi è naturalmente venuta in mente la mia amica iraniana Mahvash nonostante mi sia anche resa conto che non le ho mai visto preparare un dolce. Nei 6 mesi duranti i quali sono stata sua ospite, a Londra, ho ovviamente mangiato persiano quasi tutti i giorni, ad eccezione di quando lei, che era incinta, aveva voglia di cibo italiano o di quando suo marito ci portava a cena fuori. Ho scoperto così la cucina persiana che è una cucina straordinaria, ricca, raffinata. Nelle sue preparazioni si respirano secoli di storia e tradizioni e la cultura stessa riserva una grande importanza al cibo. Gli iraniani poi hanno un profondo senso dell’ospitalità, talvolta quasi eccessivo e le tavole imbandite quando c’è un ospite sono un vero spettacolo, a dimostrazione della considerazione che si nutre verso che si siede con noi. Più di tutto, quello che mi riporta alla mente quel periodo, i pomeriggi passati con lei spesso in cucina, è il profumo del Basmati cotto in acqua e ghee. Sciacquare il Basmati per il Chelo era un vero e proprio rito. Mahvash metteva dell’acqua fredda in una ciotola di vetro, vi rovesciava il riso e lo lasciava riposare per almeno un’ora, quindi cominciava a sciacquarlo passando le mani nell’acqua piano, a lungo, massaggiandolo; poi buttava l’acqua, ne metteva di pulita e ripeteva l’operazione, senza fretta, mentre mi raccontava episodi relativi alla sua vita in Iran ai tempi del regime dell’ayatollah Khomeini. Poi, quando il Basmati era finalmente pronto ed erano stati eliminati amido e eventuali presenze di talco, Mahvash metteva l’acqua al fuoco e vi scioglieva il ghee e il pregiatissimo zafferano iraniano che andavamo a comprare insieme in un negozietto di specialità persiane. Subito l’aria si riempiva del profumo del ghee ancora più forte di quello dello zafferano ed ecco che l’acqua colorata di un giallo intenso incominciava a muoversi ed era finalmente il momento di cuocere il Basmati; dopo la cottura sarebbe poi rimasto nella pentola su fuoco basso, con il coperchio avvolto in un canovaccio per assorbire l’umidità e trasformare il fondo nel golosissimo tadik, la crosticina di riso croccante che viene servita a parte prima di incominciare a mangiare. I suoi racconti erano terribili ma si rideva tanto e allora mi stupiva che una persona che aveva vissuto tali tragiche vicende potesse ridere, godere della vita come faceva lei. Solo invecchiando ho capito che i sorrisi e le risate più grandi sono proprio di chi ha sofferto molto e vissuto grandi difficoltà e le ha superate. Non è superficialità. È la vita che si prende la sua rivincita.

persian-love-cake-2

persian-love-cake-3

5.0 from 1 reviews
Persian love cake
 
Prep. time
Cook time
Total time
 
Burro e Malla:
Portata: Tor
Cucina: Persian
Porzioni: 8
Ingredienti
  • Per la torta:
  • 250 g di yogurt naturale
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • 6 uova
  • 220 g di zucchero di canna
  • 150 g di farina di mandorle
  • 150 g di semolino
  • 6 bacche di cardamomo
  • 60 g di pistacchi tritati
  • Un pizzico di zafferano
  • 2 cucchiai di acqua di rose
  • 100 ml di latte di mandorla
  • Buccia grattugiata di un limone o arancia (io limone)
  • Per lo sciroppo:
  • Succo e scorza di un limone o arancia (io limone)
  • 125 ml. di acqua
  • 125 g di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di acqua di rose
Istruzioni
  1. Se volete preparare voi stessi l'acqua di rose, il procedimento è molto semplice (a patto di non doverle comprare). Pulite con delicatezza i petali (non trattati) di 3 rose con un tovagliolino imbevuto d'acqua, poi metteteli in un tegamino con solo l'acqua strettamente necessaria a coprirli altrimenti l'acqua di rose risulterà troppo diluita. Appoggiate un piatto fondo sui petali, accendete il fuoco, chiudete col coperchio e fate sobbollire a fuoco basso per una mezz'ora. Mettete del ghiaccio sul coperchio per la formazione della condensa e poi raccogliete l'acqua sopra al piatto. Consumate entro 3-4 giorni (ricetta presa qua)
  2. Preriscaldate il forno a 180°.
  3. Schiacciate i semi di cardamomo e mettete da parte.
  4. Tritate grossolanamente i pistacchi e mettete da parte.
  5. In un tegamino piccolo mettete il latte, lo zafferano e scaldate brevemente e a fiamma bassa.
  6. Nella vasca della planetaria oppure in una ciotola usando,le fruste, sbattete le uova con lo zucchero almeno per 5 minuti. Otterrete una crema densa e molto chiara alla quale andrete ad incorporare usando una spatola di silicone e con movimenti dal basso verso l'alto, lo yogurt, la farina di mandorle, il semolino, il lievito setacciato, il cardamomo, la scorza di limone o arancia ed i pistacchi.
  7. Aggiungete al latte l'acqua di rose e poi unite il tutto al composto di uova mescolando sempre con la spatola.
  8. A questo punto dovete scegliere l'aspetto della torta e il conseguente stampo. Io l'ho usato da 20 perché volevo una torta alta ma se la volete bassa usatene uno da 24. Imburrate lo ed infarinatelo, versatevi l'impasto e cuocete per 45 minuti circa. Io ho cotto solo i primi 15 minuti a 180 e poi ho abbassato la temperatura a 170 ma dovrete basarvi sul comportamento del vostro forno.
  9. Mentre la torta cuoce preparate lo sciroppo, mettendo tutti gli ingredienti in un tegamino e portando ad ebollizione Fini a quando lo sciroppo non si sarà addensato. Ci vorranno circa 5 minuti.
  10. Quando la torta sarà cotta sfornatela e spennellatela con lo sciroppo,quindi guarnitela a piacimento con petali di rosa (anche brinati) e pistacchi tritati
  11. Per brinare i petali scegliete dei petali belli e grandi, spennellateli con albume d'uovo sbattuto da entrambi i lati e poi passateli nello zucchero semolato e fateli asciugare su di una griglia. Prima di essere usati dovranno asciugarsi per un giorno intero
persian-love-cake-4

persian-love-cake-5

persian-love-cake-6

 

recake14

Come dicevo sopra, con questa ricetta partecipo al Re-cake#14. Questa la pagina Facebook

Per la ricetta dell’acqua di rose il mio grazie a Mimma e Marta ❤️

Potrebbero piacerti anche

14 comments

Mimma e Marta 21 maggio 2016 - 19:38

Grazie a te, Gaia! Interessante il tuo racconto, meravigliosa la tua torta 🙂

Reply
burroemalla 23 maggio 2016 - 12:36

Grazie a voi per il procedimento spiegato così chiaramente è dato che ci sono complimenti n che per le foto di quel post. La torta era splendida..

Reply
zia Consu 22 maggio 2016 - 14:10

Che proposta peccaminosa 😛 ideale x coccolarsi in questa domenica di relax ^_^ non ho mai avuto il piacere di assaggiare niente del genere e le tue foto fanno venire l’acuolina 😛
Sempre bravissima, felice giornata <3

Reply
burroemalla 23 maggio 2016 - 12:38

La torta era insolita ma davvero buonissima Consu, un vero tuffo nei profumi orientali. Buona settimana a te ❤️

Reply
Emmettì 22 maggio 2016 - 22:44

È da 10 minuti che sono dentro questo riquadro bianco a cercar parole da lasciarti!
Scrivo e cancello, scrivo e cancello…
Meraviglia delle meraviglie, nel seguente ordine:
tu
le TUE foto
il racconto dei tuoi scorci di vita
e la torta.
Ecco, ogni altra parola mi sembra che sminuisca tutta la bellezza che, come sempre, regna sovrana su queste pagine!
Non poteva proprio essere che tu rimanessi nascosta nella tua cucina senza farti conoscere al mondo! :-))))))))))
Un abbraccio fortissimo tesorino bello! ♥

Reply
burroemalla 23 maggio 2016 - 12:44

Guarda, se chiedi in casa riceverai rispettivamente queste risposte: dal marito “tempo perso, faresti meglio a dedicaraelo a mettere in ordine che tanto non ci guadagni nulla” dall’adolescente ” che bello che sei una food blogger invece che una travel blogger così perlomeno in casa si mangia sempre come fosse domenica” E naturalmente a me interessa il suo, di giudizi. Questo per dirti quanto poco pensi a chi mi legge anzi, forse se ci pensassi di più non riuscirei nemmeno a scrivere sai tesoro? Meno male che ho la testa fusa e me lo dimentico subito ? Piuttosto, tesorino, qui i mesi passano e io e te non ci vediamo.. Bisogna porre rimedio alla cosa ❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️

Reply
Pattipatti 23 maggio 2016 - 13:24

Che bella storia che hai raccontato.. spesso è proprio chi ha sofferto tanto che regala i sorrisi più disarmanti e riesce a ridere del quotidiano! La torta è bellissima e tu l’hai resa ancora più poetica… mi piace tantissimo (prima o poi riprendo a fare le re-cake anche io…).
Ti bascio forte forte
PS Anche mio marito pensa che stesse cose del tuo….

Reply
burroemalla 25 maggio 2016 - 11:19

Vero Patty. La foto mi è effettivamente venuta molto vintage con la foto di mio padre da piccolo dietro ma al di là di quello la torta è veramente veramente buona. Un abbraccio grande e al diavolo i mariti ?❤️

Reply
ipasticciditerry 25 maggio 2016 - 20:30

La tua è semolicemente meravigliosa! Grazie anche per i tuoi bei racconti, mi piace un sacco quando parli del tuo periodo a Londra, credo ti sia rimasto proprio nel cuore. Lo capisco da come ne parli. Poi oggi una cosa in particolare mi ha colpito:
“Solo invecchiando ho capito che i sorrisi e le risate più grandi sono proprio di chi ha sofferto molto e vissuto grandi difficoltà e le ha superate. Non è superficialità. È la vita che si prende la sua rivincita.”
Lungi da me paragonare le mie sofferenze con quello che ha vissuto in Iran la tua amica o milioni e milioni di persone ma, nel mio piccolo, posso confermare questa cosa. Io da quando ho superato la mia malattia, ringrazio tutti i giorni il Signore di avermi dato la forza per affrontare tutto ed essere ancora qui a godermela e ridere ogni giorno di questa seconda opportunità. Lo dico sempre, tutti i venerdì lo scrivo nel mio blog, sulla striscia finale: Goditi la vita perchè è una sola. E allora sorridiamo cara Silvia, sorridiamo che non vale la pena tenere i musi lunghi. Un grande abbraccio e ancora complimenti per questo capolavoro. Spero di riuscire a farlo, prima o poi.

Reply
burroemalla 30 maggio 2016 - 9:01

Non sapevo nulla Terry ? Mi dispiace molto anche se mi rincuora il fatto che ora tu stia bene. Di certo dopo esperienze come le vostre, i piccoli guai sembrano futili e restano solo le cose importanti e la voglia di superare i dolori, magari anche con una bella risata. Grazie per le tue parole Terry. Ti auguro davvero ogni bene possibile tesoro ❤️

Reply
patalice 25 maggio 2016 - 22:02

sono decisamente ignorante in materia di cucina persiana…
ma queste foto rivelano un dolce affascinante

Reply
burroemalla 9 giugno 2016 - 14:28

E molto molto buono soprattutto ?

Reply
Ileana 30 maggio 2016 - 8:44

Grazie per aver giocato con noi <3

Reply
burroemalla 30 maggio 2016 - 9:01

È stato un piacere come sempre tesorina ❤️

Reply

Leave a Comment

Rate this recipe: